martedì 14 giugno 2011

Perchè ho scelto In Libertà

Ho scelto "Inlibertà", sempre, nella mia vita, e non è retorica dirlo, ovviamente mantenendo una certa coerenza con i miei principi non negoziabili e non scendendo mai a compromessi sulla vita, sulla morte, sulla fede. Ho scelto Inlibertà di lanciarmi in questa iniziativa editoriale perché conosco la purezza di chi ha fondato il giornale, ho conosciuto i suoi due soci, ho percepito che c'è voglia di fare consapevoli tutti che redigere oggi un quotidiano on line non è la idea più originale che si possa avere. Ma il bello della sfida sta proprio in questo. Tre persone con tre vite differenti unite dall'amicizia e che in questo progetto comune hanno rinnovato la pazzia, ed il gusto, di rincontrarsi: mi unisco a loro, la pazzia non manca!
Oggi online vi è una enormità infinita di informazione che spesso però diventa disinformazione: dov'è la verità?
Una volta si diceva: i giornali di oggi servono per incartare i pesci di domani. E' ancora così od alle 11 del mattino i giornali di oggi servono già per incartare gli ultimi pesci sul bancone della pescheria.
La informazione viaggia ad una velocità supersonica. Brucia tutto nello spazio di un attimo. "Internet è un bambino che ha sempre fame" dice l'amico Antonio Palmieri e quindi bisogna continuare a dargli da mangiare.
Inlibertà non vuole, per ora, fare concorrenza ai grande media nazionali ma ricavarsi uno spazio nel variegato mondo dei navigatori di internet cercando di privilegiare alcune nicchie inascoltate di persone che qui vogliono, e possono, trovare la loro espressione.
Inlibertà sarà il dirci la nostra tenendo conto che la mia libertà finisce quando inizia la tua, come ci insegnavano da bambini e purtroppo oggi si dimentica troppo spesso.
Inlibertà sarà tutto quello che costruiremo assieme giorno dopo giorno.
Io ci credo perchè ho sempre vissuto lo scrivere non come una professione ma come una missione. Se in questo momento siamo chiamati qui ci sarà un perchè... lo scopriremo solo scrivendo.

2 commenti:

Andrea Bovino ha detto...

Ciao. Mi chiamo Andrea Bovino, ho 26 anni e scrivo da Rimini, citta in cui abito.

Sono interessato a collaborare come annunciato nei precedenti messaggi personali intercorsi.

Sono amministratore e curo i contenuti di un blog di libera informazione: http://vivereaorecchio.blogspot.com

In attesa di un riscontro, ti ringrazio e ti saluto,

Andrea Bovino

Giorgio Gibertini Jolly ha detto...

Ciao Andrea grazie vuoi cominciare a mandarmi un pezzo? Di che cosa ti occupi soprattutto?

Posta un commento