giovedì 21 luglio 2011

Il nuovo status symbol dei saldi: ostentare il sacchetto firmato!

Non sopporto questo periodo di Saldi e non solo perchè anche mia moglie cede, morigeratamente, alla tentazione ma per lo spettacolo grottesco ed a volte comico, che vedo ogni giorno passeggiare per le vie del centro di Roma.
Ragazze e signore di tutte le età vagano altezzose sui sanpietrini, per lo più da sole, in compagnia soltanto di lunghi e bianchi sacchetti di carta e cartone con su scritto a volte Prada, altre Furla ed altre ancora "scemo chi legge".

Non provo invidia verso chi può spendere più di me (adoro quando mia moglie torna a casa dal mercatino con tre buste di abitini per i bambini e per lei ed ha speso venti euro totale) ma provo senso del ridico per chi ostenta il lungo e bianco sacchetto con firma come uno status symbol, come un Ipad, come l'ultimo cellulare.
Mi diverte anche tutto questo perchè penso che prima o poi questa gente dovrà scendere con me in piazza col forcone a manifestare per la crisi economica e mi domando se il loro forcone sarà tutto tempestato di brillanti e Swarosky.
Ci sono momenti precisi in cui non capisco se addirittura è il sacchetto che passeggia vanitoso accompagnandosi con la stangona di turno od addirittura scocciato di quella compagnia perchè ormai il tragitto lo conosce a memoria e se lo farebbe volentieri da solo.
Ostentare il sacchetto firmato (magari con dentro oggetti comprati da Oviesse) è la nuova moda del momento e coi saldi tutti diventa esponenzialmente goffo!

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ieri mi è capitato un episodio che alla fine mi ha fatto sorridere. Ero in centro a Torino che frugavo qua e là alla ricerca di qualcosa in vista di partire per le tanto attese vacanze. Avevo in mano un vestitino (già provato e pronto per per esser pagato) e altre magliette... mentre mi avviavo all'interminabile coda verso le casse, mi son dovuta bloccare: una signora aveva preso dall'estremità il vestitino che mi apprestavo a pagare iniziando a tirare. Credo d'averla guardata in modo piuttosto contrariato e di conseguenza lei mi chiede "è tuo?" io"si,quasi. Lo sto andando a pagare" e lei facendo finta di nulla è riuscita ad affermare "credevo fosse appeso all'appendino!!!!!" (io non ero ferma ma in movimento!) inutile evidenziare la mia espressione basita!

Giorgio Gibertini Jolly ha detto...

Ih ih ih bellissimo racconto Beatrice! Vedi. Io resto all'esterno dei negozi ma devo dire che anche dentro succedono cose carine! Ti ha dato dell'appendino insomma!!!!

Francescast.84 ha detto...

bè, per quanto riguarda i saldi e la moda, siamo donne ... :) non possiamo farne a meno. Invece per chi ostenta oggetti improponibili, quello non l'ho mai capito nemmeno io, conosco gente che guadagna poco però non si toglie il lusso di avere l'i-pad, o l'i-phone, lo smartphone ultimo modello, in periodo di crisi come questo è uno schiaffo a chi non riesce ad arrivare a fine mese o ci arriva con fatica. Tutto questo non lo condivido!
buona serata

Posta un commento