mercoledì 24 agosto 2011

Cercando la stella polare...sul balcone con mio figlio

Una Luna finalmente dimezzata nella sua esibizione ci ha permesso di godere di una splendida notte ricca di stelle, sopra i tetti di Venarotta. e ci ha anche costretto ad un ripasso generale delle prime nozioni di Astronomia.
Mauro, 6 anni, curioso come è tipico in quell'età, voleva a tutti i costi riconoscere la stella polare. Ovviamente dapprima io e mia moglie ci siamo improvvisati ad indicare qualsiasi stella luminosa. Io ricordavo, difatti, che la Stella Polare fosse la più luminosa: Sara si ricordava qualche dettaglio in più per riconoscere la stella.

Abbiamo per prima cosa individuato io il Grande Carro e lei L'Orsa Maggiore per poi scoprire che indicavamo col dito la stessa Costellazione e che questa si può chiamare in entrambe i modi.
Far vedere a Mauro il Carro non è stato difficile anche se gli risultava faticoso congiungere idealmente le varie stelle. Ma poi, una volta facilmente individuato il carro, dove è la stella polare?
L'insistenza di nostro figlio era tale che ci ha costretti ad informarci nel più breve tempo possibile.
Sul terrazzo di casa ci siamo quindi ritrovati con tablet e, grazie al sito di Progetto Cassiopea, abbiamo individuato i nomi delle stelle che compongono il grande Carro, la costellazione appunto di Cassiopea e tracciato la linea per individuare la Stella Polare che è l'ultima, e l'unica visibile, del piccolo Carro.
Mauro ha dapprima visto sul tablet il cielo e le due costellazioni e grazie ad una gif animata ha imparato il modo per individuare la sua stella per poi rivederlo davvero alzando lo sguardo: la tavoletta sembrava un quadro, una fotografia, un video continuo.
Sensazione unica e straordinaria, un aiuto veramente comodo e facile, di immediata comprensione sia per piccoli sia per adulti smemorati.
Poi è passata una stella cadente e, Mauro, non so che desiderio abbia espresso... conosco il mio. Cercala sempre, figlio mio, la tua stella Polare e lascia che possa guidarti nella vita.

2 commenti:

Paolo ha detto...

Solo sei anni.
Adesso so a cosa servono le stelle.

Ascoltando la musica capisco che domani sarà migliore.

Se ancora non l'hai firmata la PETIZIONE sull' AMAZZONIA puoi farlo da me.
Grazie.
Paolo

Giorgio Gibertini Jolly ha detto...

Ok grazie Paolo!

Posta un commento