giovedì 24 novembre 2011

Happy Thanksgiving don John

Il nostro vice parroco a San Lino alla Pineta Sacchetti si chiama don John. E' americano. Stasera ci ha invitati tutti, noi del gruppo famiglie, per il rito del Happy thankgivingday 2011, la festa religiosa che anticipa il Natale e noi che facciamo?
Ovviamente ci andiamo.
L'idea di vedermi sul tavolo un tacchino di 13 chili con le calze (come si chiamano quelle cose che vengono messe alle estremità delle cosce?) mi stuzzica la curiosità e l'appetito.
Domani saprò dirvi qualcosa di più.
La prima volta che venne festeggiato il Thanksgiving Day (Giorno del Ringraziamento) in Nord America, fu nel 1578 quando l'esploratore inglese Martin Frobisher arrivò nel nuovo continente e ordinò una cerimonia per ringraziare Dio per la protezione data al suo gruppo durante la lunga e pericolosa attraversata oceanica.
Tuttavia, gran parte dei moderni nord-americani associano la tradizione della Festa del Ringraziamento ai Padri Fondatori.
Nel 1621, un anno dopo l'arrivo nel nuovo mondo a bordo del Mayflower e nel seguente inverno rigido in cui molti di loro perirono a causa delle malattie, gli abitanti delle colonie celebrarono il successo del loro primo raccolto organizzando una festa di ringraziamento alla quale invitarono i Nativi americani. Nel menù di quel primo Ringraziamento americano ci fu sicuramente qualche pietanza che divenne tradizione per le feste - tacchino e zucca - insieme ad altre carni bianche, carne di cervo, ostriche, molluschi, pesci, torte di cereali, frutta secca e noccioline.
Gli americani celebrano la festa del Ringraziamento il quarto giovedì di Novembre (quindi quest'anno è il 24 novembre), perché il presidente Abraham Lincoln dichiarò questo giorno come festivo, nella sua famosa Proclamazione di Ringraziamento del 1863. 
Cosa c'è per cena? 
In molti tavoli americani, il tacchino ripieno è ancora l'orgoglio del posto per il Ringraziamento. Solo negli Stati Uniti, più di 40 milioni di tacchini sono consumati durante il weekend festivo ogni anno. Solitamente è accompagnato dal sugo e dal ripieno. Nella East Coast il ripieno di ostriche è tradizionale, come quando in passato i crostacei erano economici e abbondanti nel mare. Nel sud più probabilmente si trova con ripieno di focaccia al granturco, mentre nel nord degli Usa puoi trovare il Wild Rice (spezia nordamericana) tra gli ingredienti del tacchino. La salsa di mirtillo è tradizionale, fatta con bacche fresche o congelate. Piatto tradizionale del Ringraziamento sono per molti le patate dolci, unite allo zucchero, spezie e burro, girato in una casseruola e qualche volta con malva. Altri piatti vegetariani, insalate, seguiti dalla tradizionale torta di zucca e panna montata. In molte famiglie la fine di un Ringraziamento tradizionale è ritirarsi in una sedia comoda per allentarsi la cinghia.
Tacchini di Roma...scappate! E' giunta l'ora!

2 commenti:

John R. D'Orazio ha detto...

Giorgio! Addirittura un articolo! Ti è piaciuta la cena? Hai fatto uno studio :) Ho appreso anch'io qualche notizia da questo trafiletto

Giorgio Gibertini Jolly ha detto...

Favoloso don John complimenti davvero! Adesso ne metto un altro, un piccolo resoconto!

Posta un commento