mercoledì 9 novembre 2011

Non tradisco, non rinnego: critico

Ho votato Berlusconi per tutti questi anni.
Ho creduto in Berlusconi per tutti questi anni.
Lavoro anche per un deputato ex Fi ed ora Pdl e svolgiamo compiti direttamente collegabili all'operato politico di Silvio Berlusconi.
Sono io uno dei redattori, ad esempio, dei Libri sugli anni di Governo e di questo sito che ospita l'ultima edizione e del Libro "L'amore vince sempre sull'invidia e sull'odio"
Sono io.
Io, Giorgio Gibertini detto Jolly.
Non me ne vergogno.
Ho dato il mio voto in libertà. Ho sperato in piena coscienza che molte cose potessero cambiare grazie a Silvio, lo ho anche criticato aspramente nelle sedi opportune, morbidamente in quelle pubbliche.
Non credo sia giunta la fine di Berlusconi. Di Berlusconi al Governo sicuramente, ma di Silvio Berlusconi che ama l'Italia no, ma di Silvio Berlusconi che aiuta il centro destra, no.
Il centro destra è qualcosa che va oltre, sopra, Berlusconi e di questo bisogna cominciare a parlare, e questo bisogna cominciare a costruire.
Dapprima facendo fuori i traditori del voto ma anche quelli che si ricordano di noi elettori di centro destra ogni cinque anni o solo quando c'è da fare la tessera offrendosi anche di pagartela.
Poi puntando su gente nuova del tessuto culturale, sociale di destra e continuare a confrontarci lealmente con la Democrazia Italiana.
Ho votato Berlusconi ma non salto giù dalla nave che affonda: so nuotare abbastanza bene per aiutare magari qualcun altro a salvarsi dignitosamente.

6 commenti:

manuel ha detto...

Spero tu abbia ragione caro amico....ma ho paura che questa sia la fine definitiva di Berlusconi...ho paura che la maggiorparte del Pdl gli volterà le spalle immediatamente...ho paura che gli attenda una fine molto simile a quella dell'amico Craxi.
Forse non sarà costretto ad espatriare. Ma l'odio creato e alimentato in tutti questi anni è stato troppo.

Giorgio Gibertini Jolly ha detto...

Staremo a vedere Manuel, chi vivrà.... . Io dico solo che non me la sento di saltare giù dal carro. Non è corretto!

Anonimo ha detto...

sei coerente Giorgio, ti stimo x questo....ora mi preoccupano le sorti della nostra Italia... speriamo bene.... anche io non credo nella fine di Berlusconi....... aspetto sabato per sentire il suo intervento al lingotto di torino per il congresso de la Destra...........Gabriella Stazzu

Max dei Lime ha detto...

Jolly, massima stima per la tua coerenza, ma il primo a non esserlo è il buon silvio: più o meno un anno fa era lui a portarsi a casa esponenti delle altre fazioni (scilipoti e compagnia), non voglio neanche pensare a seguito di quali promesse. In quel contesto sono stati chiamati "responsabili". A poco meno di un anno di distanza, lo stesso comportamento a parti invertite li fa diventare "traditori"?
Non sto giustificando il comportamento di questi irriconoscenti che inseguono solo i loro interessi: vedere l'on. Carlucci che migra - del resto perché sprecare cotanto intelletto e capacità politica - mi fa venire il voltastomaco, ma chi di spada ferisce...
Poi, magari, nel tempo libero, se si ripensasse alla legge elettorale potremmo ridurre i padri padroni che promettono posti in cambio di atteggiamenti da zerbino.

Giorgio Gibertini Jolly ha detto...

Ciao Gabriella. Io posso garantire a mala pena per me stesso. Questo non vuol dire che ora cercherò anche io nuove collazioni. Ma sicuramente non prendo a calci colui con cui sono stato in questi anni. Sentiamo che dice sabato...se viene

Giorgio Gibertini Jolly ha detto...

Ciao Max dei Lime (grande gruppo musicale ndr). Io posso garantire per la mia coerenza. Certo, SB forse non l'ha avuta ed è lui il primo ad aver tradito almeno "i motivi della sua discesa in campo". Però in questi momenti in cui tutti si distinguono per distinguersi io resto coerente.

Posta un commento