mercoledì 30 ottobre 2013

martedì 29 ottobre 2013

Siamo accerchiati da Equitalia ed Agenzia delle Entrate

Siamo accerchiati. Quando arriveranno i nostri? Equitalia ed Agenzia delle Entrate hanno preso di mira la mia piccola partita iva e la stanno spremendo fino all'osso. Colpo ed errori si susseguono con gli orrori di queste ulteriori tasse da pagare e non ci sta rimanendo quasi più niente. Lasciateci almeno quel Quasi. Per la prima volta io e mia moglie abbiamo imprecato contro questo Stato ed espresso il desiderio di andarcene dall'Italia. Per ora, dico per ora, resistiamo.
Il problema è che siamo in tanti e più mi guardo attorno e sento storie vi è questo mal comune doppio dolore.

lunedì 28 ottobre 2013

Il suo primo grande Dizionario di Italiano

Una grande soddisfazione oggi. Vedere mio figlio Mauro fare i compiti, cercando i vocaboli sul Dizionario (e non su Google) e trascriverne il significato.
Che bello!
Che soddisfazioni!
Vai, cerca, incuriosisciti!

In quei momenti in cui la speranza viene un po' meno e vedi...solo la tua ombra sulla spiaggia

Ho sognato che camminavo in riva al mare con il Signore
e rivedevo sullo schermo del cielo tutti i giorni della mia vita passata.
E per ogni giorno trascorso apparivano sulla sabbia due orme:le mie e quelle del Signore.
Ma in alcuni tratti ho visto un sola orma.
Proprio nei giorni più difficili della mia vita.
Allora ho detto: Signore, io ho scelto di vivere con te
e tu mi avevi promesso che saresti stato sempre con me.
Perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti difficili?
E lui mi ha risposto: Figlio, tu lo sai che ti amo
e non ti ho abbandonato mai:
i giorni nei quali c'è soltanto un'orma nella sabbia
sono proprio quelli in cui ti ho portato in braccio.

domenica 27 ottobre 2013

Ciò che sai fare, o che sogni di poter fare...inizialo!

"Nel momento in cui una persona si impegna con tutta se stessa, anche la provvidenza si mobilita. Accorrono in suo aiuto mille cose diverse che non sarebbero mai accadute altrimenti.
Un fiume di avvenimenti sgorga dalla decisione, producendo casi imprevisti, incontri ed assistenze materiali che nessuno avrebbe mai sognato che potessero capitare.
Nutro un profondo rispetto per i versi di Goethe: “ Ciò che sai fare, o che sogni di poter fare, inizialo. L'audacia ha in sé genio, potenza, magia ”.
Gilbert MURRAY

sabato 26 ottobre 2013

Impara l'arte....

Lavori di giardinaggio. Odiosi quando si tratta di una siepe di due metri, figurati per 8 ettari. Starnutisco e mi vien da grattare...però, qualcuno li deve fare. Tocca al Babbo oggi, immortalato da figli increduli.

venerdì 25 ottobre 2013

Anche verso Cassino c'è la nebbia...

Nebbia il val Padana...e non solo. Anche andando, di buon mattino, verso Cassino è possibile incontrare una fitta nebbia dalle parti di Ferentino e Frosinone. L'autostrada immersa in questa coltre grigia con uno splendido sole che bussa alle spalle.
Una certezza. Prima o poi il sole sorgerà. Prima o poi la luce tornerà

giovedì 24 ottobre 2013

Gli esami non finiscono mai: sia quelli da dare, sia quelli da ricevere

Oggi altra giornata di esami. Tra poco una decina di studenti si alterneranno davanti a noi e proveranno a dirci che cosa hanno capito del nostro corso in "Motivazione e crescita personale e metodo di studio". Studenti diversi, di ogni regione del Centro Sud Italia, di varie età molti dei quali già lavorano ed hanno scelto l'università on line per poter conciliare i tempi e...soddisfare quel bisogno di continua formazione, continua cultura, continuo aggiornamento.
Gli esami non finiscono mai, sia che tu ti trovi da una parte o dall'altra della cattedra. Esami continui per i più giovani, periodici quando cresci ma comunque presenti. Siano essi un cambio di età dei figli, oppure un aggiustamento di rapporto con la moglie, o un investimento che vorresti fare in famiglia.
Esami, a cui sempre bisogna arrivare preparati e...fortunati!

mercoledì 23 ottobre 2013

Questa è la storia vera di una bambina di otto anni che sapeva che l'amore può fare meraviglie...

Il suo fratellino era destinato a morire per un tumore al cervello. I suoi genitori erano poveri, ma avevano fatto di tutto per salvarlo, spendendo tutti i loro risparmi. Una sera, il papà disse alla mamma in lacrime: "Non ce la facciamo più, cara. Credo sia finita. Solo un miracolo potrebbe salvarlo". La piccola, con il fiato sospeso, in un angolo della stanza aveva sentito. Corse nella sua stanza, ruppe il salvadanaio e, senza far rumore, si diresse alla farmacia più vicina. Attese pazientemente il suo turno. Si avvicinò al bancone, si alzò sulla punta dei piedi e, davanti al farmacista meravigliato, posò sul banco tutte le monete. "Per cos'è? Che cosa vuoi piccola?". "È per il mio fratellino, signor farmacista. È molto malato e io sono venuta a comprare un miracolo". "Che cosa dici?" borbottò il farmacista. "Si chiama Andrea, e ha una cosa che gli cresce dentro la testa, e papà ha detto alla mamma che è finita, non c'è più niente da fare e che ci vorrebbe un miracolo per salvarlo. Vede, io voglio tanto bene al mio fratellino, per questo ho preso tutti i miei soldi e sono venuta a comperare un miracolo". Il farmacista accennò un sorriso triste. "Piccola mia, noi qui non vendiamo miracoli". "Ma se non bastano questi soldi posso darmi da fare per trovarne ancora. Quanto costa un miracolo?". C'era nella farmacia un uomo alto ed elegante, dall'aria molto seria, che sembrava interessato alla strana conversazione. 

martedì 22 ottobre 2013

Oggi, memoria del Beato Giovanni Paolo II, mi piace ricordarlo così in uno dei momenti più significativi del suo ricco Pontificato


L'anatema contro la mafia di Giovanni Paolo II - Valle dei templi
Giovanni Paolo II il 9 maggio 1993 ad Agrigento, durante una visita pastorale in Sicilia, scaglia un terribile anatema contro la mafia:
"Dio ha detto una volta: NON UCCIDERE! Non può l'uomo, qualsiasi uomo, qualsiasi umana agglomerazione, mafia, non può cambiare e calpestare questo diritto santissimo di Dio. [...] Nel nome di Cristo [...], mi rivolgo ai responsabili: convertitevi! Un giorno verrà il giudizio di Dio!".

lunedì 21 ottobre 2013

Inizio settimana col botto: mi hanno rubato i due specchietti retrovisori!

Ha ragione il carissimo amico Alex il Chiso che, dalla sua distante amicizia (distante nel senso che vive in Sardegna) mi ha detto: vedila così, ora è più aerodinamica.
Come dargli torto?
Il risveglio oggi è stato col botto: iniziare così il lunedì e la settimana... per fortuna non è da tutti i giorni. Che cosa è successo alla mia auto?
Mi hanno rubato le gomme? No! Mi hanno rubato la benzina? No! Mi hanno rubato i due specchietti retrovisori! Sicuramente un altro proprietario di Peugeot 207... ma più povero e più bisognoso.
Carlo Alex, anche il mio "vaffa" (non a te) oggi è più aerodinamico!!!!!

domenica 20 ottobre 2013

Vendesi divano 3 posti...perchè ce ne servono 5 (di posti)

Vendesi questo bellissimo divano rosso in pelle di Bufalo. Vendesi divano 3 posti...perchè ce ne servono 5 (di posti)

venerdì 18 ottobre 2013

Tornando dai nonni...

E' sempre tanto il tempo che trascorre tra una visita e l'altra. Sia che si tratti di una settimana o di un mese la lontananza si sente, eccome se si sente.
Oggi abbiamo ripreso la Salaria verso i nonni.
L'avremo fatta cento volte in questi anni, o forse di più, ed ogni volta il viaggio ci sembra più lungo, più corto, più tortuoso, più lineare. Ogni volta è un viaggio unico.
I bambini mangiano, piangono, cantano oppure dormono.
Non c'è programma.
Come per l'amore per i nonni: non è programmabile. E' sempre nuovo. Davvero.

giovedì 17 ottobre 2013

Alla scoperta di San Gaetano, il Santo della Provvidenza

San Gaetano Thiene Sacerdote.7 agosto - Memoria Facoltativa. Vicenza, ottobre 1480 - Napoli, 7 agosto 1547. Nacque a Vicenza dalla nobile famiglia dei Thiene nel 1480, e fu battezzato con il nome di Gaetano, in ricordo di un suo celebre zio, il quale si chiamava così perché era nato a Gaeta.Protontario apostolico di Giulio II, lasciò sotto Leone X la corte pontificia maturando, specie nell'Oratorio del Divino Amore, l'esperienza congiunta di preghiera e di servizio ai poveri e agli esclusi. È restauratore della vita sacerdotale e religiosa, ispirata al discorso della montagna e al modello della Chiesa apostolica. Devoto del presepe e della passione del signore, fondò (1524) con Gian Pietro Carafa, vescovo di Chieti (Teate), poi Paolo IV (1555-1559), i Chierici Regolari Teatini. Per la sua illimitata fiducia in Dio è venerato come il santo della provvidenza.

mercoledì 16 ottobre 2013

Un progetto nato per caso o ...per Casa?

Dove ci stai conducendo, oh Dio? Ci sei tu veramente dietro questo progetto, questa dritta, questa notizia? Capacità di rischiare. Chi non risica non rosica. Ave Maria e avanti. Non solo attendiamo gli eventi ma cerchiamo di precederli. Guidarli. Una nostra amica ci ha suggerito la novena al santo della Provvidenza, san Gaetano. Poi ci si aiuterà. Chi partecipa?

martedì 15 ottobre 2013

Vino rosso frizzante....12,5 gradi. Non conosco, vi saprò dire

Assaggio questa sera questo vino frizzante rosso. Avevo deciso di smetterla, per un po', poi mi è capitato tra le mani questa bottiglia e devo provarla perchè di vino frizzante rosso conosco solo il Lambrusco ma questo... non mi sembra proprio Lambrusco. Anzi.
Il vino si chiama "Omero" e l'etichetta riporta anche una sua frase: "Vino pazzo che suole spingere anche l'uomo molto saggio ad intonare una canzone".
Ma...molto saggio non lo so, ma intonare una canzone perchè no?

lunedì 14 ottobre 2013

Il piccolo Matteo doma due gattini con una super cannunccia

Il piccolo Matteo Gibertini, prima di andare a nanna, gioca coi due gattini avvalendosi di una lunga cannuccia

domenica 13 ottobre 2013

Scoutismo: una scelta di vita, anche la nostra

Oggi Mauro è diventato Lupetto, Massimo Coda Rossa e Matteo...osserva e impara. Lo scoutismo è una scelta di vita che abbiamo fatto nostra, per i nostri figli e, per la proprietà transitiva, anche per noi.

sabato 12 ottobre 2013

Ogni giorno ci manchi di più

Non è che perché oggi è l'anniversario
sentiamo di più la tua mancanza.
Ogni giorno, ci manchi di più.
Ciao Babbo Enzo


giovedì 10 ottobre 2013

Una mamma scrive alle sue figlie

Dedicato alle mie figlie v'insegnerò che prima dei 20 anni ci sono cose che dovete assolutamente fare e altre che vi basterà sapere. v'insegnerò che mangiare frutta e verdura aiuta il colesterolo, ma mangiare al McDonald's aiuta lo spirito. v'insegnerò che amare è la cosa più bella che vi possa mai capitare, ma a volte pure la più brutta. v'insegnerò che avere un piccolo animaletto aiuta a sentirsi meno soli, ma a volte ci si sente troppo soli quando ci si accorge di avere solo lui. v'insegnerò che dopo la morte c'è proprio quello che sperate che ci sia. v'insegnerò che è bello sognare e fantasticare sulle storie degli altri, per migliorare le proprie. v'insegnerò che siete perfette così come siete. v'insegnerò che le gambe si depilano solo con la ceretta, perchè quei piccoli peletti biondi, con un rasoio diventerebbero rasta neri. v'insegnerò che siete la cosa più importante l'una dell'atra e non dovete dimenticarlo.
v'insegnerò che avere un telefilm da guardare il pomeriggio potrebbe diventare un appuntamento segreto con voi stesse. v'insegnerò a pettinarvi e truccarvi in modo perfetto. v'insegnerò che pero' siete bellissime anche senza trucco. v'insegnerò che esistono persone buone e persone cattive, ma spesso sono anche la stessa persona. v'insegnerò che l'alcool fa ingrassare, è meglio piuttosto una fetta di torta. v'insegnerò a cucinare, così prima o poi mi ripagherete di tutti quei brodini che ho fatto per anni. v'insegnerò che l'unico uomo al mondo di cui vi potrete fidare e il vostro papà. v'insegnerò che nessuno al mondo vi amerà mai quanto vi amo io, pero' voi dovrete continuare a cercare l'amore ogni giorno. v'insegnerò a non correggere i vostri piccoli difetti, ma a trovare una persona che li apprezzi e li ami. v'insegnerò a disegnare cuori e stelle, a cantare a sotto la doccia le canzoni di Vasco, a ballare con le braccia al cielo sembrando delle pazze. v'insegnerò a spendere tutti i soldi che avete, quando ne avete, così quando saranno finiti, avrete sempre un armadio pieno di vestiti. v'insegnerò quello che posso, perchè voi mi avete insegnato ad amare, e io lo giuro, non credevo che nella mia vita, avrei mai amato così tanto. [Selene Maggistro - Mamma]

mercoledì 9 ottobre 2013

La gioia del Vangelo: il centuplo su questa terra

Ormai lo abbiamo deciso, in famiglia. Ogni sera una festa. Ci proveremo a vivere quotidianamente la Gioia del Vangelo, delle Beatitudini sapendo che il Diavolo si accanirà maggiormente contro di noi perchè è lui che ci vuole tristi, malinconici, disperati.
Invece no.
Io e mia moglie abbiamo deciso: ci sforzeremo di essere sempre gioiosi, per noi, per i nostri figli, per gli amici, per chi ci incontrerà, ed attendiamo il Centuplo su questa terra.
Due giorni di preghiera a Caresto cominciano a produrre effetto

martedì 8 ottobre 2013

E' tutto un cadere (e crescere) di dentini....

è tutto un cader di dentini
Col crescere dei bimbi, ed il fatto che stiano entrando tutti in quella età (6-9) è tutto un cadere e crescere di dentini. La notte a casa nostra ormai è un via vai di Fatine che portano i soldini, scrivono la letterina, danno i bacini e se ne vanno via.
Anzi, secondo me la Fatina neanche se ne va...per tornare tra qualche giorno. Aspetta sul pianerottolo il prossimo cader di dentino.

domenica 6 ottobre 2013

Il buon pane di Caresto

Il pane che ogni giorno consumo
contiene tutta una rete di relazioni anonime.
E' passato attraverso il lavoro di molte mani,
mani che l'hanno seminato,
mani su grandi macchine,
o mani nude sul seme,
per poi raccoglierlo e macinarlo,
e poi i forni e le catene di distribuzione.
In tutto questo c'è la grandezza e la miseria umana.
Ci possono essere forse relazioni di sfruttamento;
ci sono certamente lacrime nascoste
in ogni pane che si mangia tranquillamente.
Ma c'è pure il senso di fraternità e di condivisione.
Il pane quotidiano racchiude tutto l'universo
nelle sue luci e nelle sue ombre.
E' il nostro pane.

(dal canto del Pane - dalle buste del Pane di Caresto)

giovedì 3 ottobre 2013

Per il mio compleanno così mi scrive un'amica...

oggi è la tua festa...
beh che dire ti auguro di cuore...
di gioire ogni dì di tutto il bello che hai e di quello che hai costruito
una moglie dal sorriso entusismante
con gli occhioni che sprigionano dolcezza dei tuoi cuccioli
che sono una forza della natura
di te del tuo essere Giorgio
ti auguro di festeggiare ogni giorno con l'amore nel cuore
e Gesù come amico fedele...
così chi ci ferma più...
happy B
Veruska

martedì 1 ottobre 2013

Quaranta e...avanti

Come si festeggiano
gli anni
dopo i 40?
Quarantuno
o quaranta più uno.
Ogni mattina mi alzo
e dico anche io
come il maestro
"Ave Maria e
Avanti"
Da domani
sarà
un Quaranta....e avanti

pre festa in famiglia

con Zio Lele